B&B Dogana d'Acqua

Offriamo ai nostri ospiti la possibilità di soggiorni brevi o prolungati in un ambiente nuovo e confortevole. Il B&B Dogana d’Acqua è ubicato in un palazzo di fine ‘800 che affaccia su una delle più suggestive zone della città: “la Venezia Nuova”.

La casa, ristrutturata nel 2015 offre agli Ospiti tre camere matrimoniali con bagno privato, di cui una con terrazzino che affaccia sui canali della “Venezia Nuova”.
Ogni camera è dotata di aria condizionata, riscaldamento, zanzariere alle finestre e connessione Wi-Fi.
La prima colazione viene servita nel luminoso soggiorno e viene da noi preparata con prodotti genuini quali pane a lievitazione naturale a km 0, brioches e torte fatte in casa; corn flakes, muesli e yogurth; bevande calde quali caffè in moka all’italiana, cappuccino e una scelta di tè.
La colazione è servita dalle h 7.30 alle h 9.30 (in estate, per chi si imbarca presto, la anticipiamo alle h 7,00).
Il B&B Dogana d’Acqua si trova a 500 m dal centro cittadino e dalla stazione marittima con gli imbarchi per Corsica, Sardegna e Capraia. A 100 m vi è la fermata dell’autobus 8R che in 15/20 minuti raggiunge la stazione ferroviaria, il lungomare, la Terrazza Mascagni e l'Acquario, l'Accademia Navale, la Casa di Cura Villa Tirrena e l’Ospedale Civile; a 2,6 km il PalaLivorno (PalaModigliani); l'aeroporto più vicino è il Galileo Galilei di Pisa, a 17 km. Facilità di parcheggio gratuito nelle immediate vicinanze della struttura.
A disposizione degli ospiti vi è una piccola biblioteca con alcuni libri e altro materiale informativo sulla città di Livorno.
All'arrivo sarà comunque nostra premura dare agli Ospiti ogni informazione richiesta. Orari: check in dalle h 18.00, check out entro le h 10.00; per altre esigenze rimaniamo comunque a disposizione.
Su richiesta e con un piccolo supplemento, sono ammessi animali domestici.

Ecco Livorno, splendida e preziosa dama salmastra, bella fra le belle, distesa sotto il drappo delle stelle dopo un tramonto tiepido di rosa.

 

Città superba, asprigna , generosa, spavalda, inquieta, timida e ribelle, che mai mutò nel tempo la sua pelle per farsi accomodante o più ossequiosa.

 

Guardandola da questo ameno colle fugge lo sguardo e l'anima s'acquieta in moti fanciulleschi di sereno ché la fierezza qui si fa più molle si perde al vento l'estro del poeta e la follia del mondo viene meno.

Back to Top